All posts in Giuridica e Fiscale

AE-INFit

Tour 2019

L’INnovazione nel FITness

Trieste 9 febbraio 18.30 // 20.30

c/o Avalon Wellness

“Se vuoi fare qualcosa di nuovo,

devi smettere di fare qualcosa di vecchio”.

Peter F. Drucker

 

AE-INFIT Tour 2019 – (INnovazione nel FITness). E’ una meeting organizzato da AEROGENE per presentare in anteprima i nuovi percorsi formativi del 2019. Saranno inoltre promosse le soluzioni che alcune aziende PARTNER di Aerogene, hanno saputo elaborare per rendere ancor più INNOVATIVO il mondo del fitness.

 

[ L’evento è GRATUITO, ma bisogna prescriverei nel sito così da accedere liberamente al meeting e ricevere un REGALO! Si avrà infatti diritto all’utilizzo totalmente gratuito di GYMtrainer per sei mesi anziché uno!!! ]

 

Roberto Moro

Presenterà

AE-TENSEGRITY

Il programma formativo che EVOLVE il concetto dell’automassaggio MIOFASCIALE.

 

Tiago Silverio

Presenterà WHOLE®

Il programma di allenamento basato su EVIDENZE SCIENTIFICHE.

Diletta Invernizzi

Presenterà

AE-COMMUNICATION

A volte la giusta comunicazione è la base per arrivare ai nostri OBIETTIVI e per saper trasferire la propria PROFESSIONALITA’.

Laura Mancin

Preseterà

AE-NUTRITION

Cosa dovremmo mangiare per essere in forma e poter migliorare le nostre performance con la semplice EDUCAZIONE ALIMENTARE?

Eugenio Maffei

Preseterà AE-MAGE

Il nuovo progetto di Aerogene che potrà aiutare PALESTRE ed ISTRUTTORI a posizionare e vendere meglio i proprio prodotti.

Dove?….. e quando?

Avalon Wellness,

Borgata Grotta Gigante, 42, 34010

Borgo Grotta Gigante (TS)

 

SCOPRI DI PIU’ >

 

E-mail: info@aerogene.it

Tel: +39 333 1172348

Condividi con:
Visita il sito  

 

AEROGENE AFFILIATA ASI PADOVA ORGANIZZA

 

ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA E PUBBLICITA’ : IL TERMINE PER LA PUBBLICAZIONE DEI DATI è IL 28 FEBBRAIO 2019

Avete ricevuto contributi pubblici nel 2018? Attenzione ai nuovi adempimenti

La Legge 4 agosto 2017 n.124 (legge annuale per il mercato e la concorrenza) prevede nuovi adempimenti che interessano anche il settore non profit, come chiarito dalla recente circolare del Ministero del Lavoro n. 2/2019.

La norma infatti non riguarda  solo le imprese ma anche  le associazioni (e quindi le ASD e le altre associazioni affiliate), le fondazioni e le onlus : questi soggetti, se nell’anno 2018 hanno ricevuto contributi, sovvenzioni incarichi retribuiti e comunque vantaggi economici di qualunque genere da parte delle pubbliche amministrazioni o da altri soggetti pubblici o equiparati, per importi superiori a € 10.000, devono pubblicare nel proprio sito web o portale digitale (o, in mancanza del sito, sulla propria pagina Facebook) entro il 28 FEBBRAIO 2019  i dati relativi al contributo ricevuto e più precisamente:

  • denominazione e codice fiscale del soggetto ricevente;
  • denominazione del soggetto erogante;
  • somma incassata
  • data di incasso
  • causale

alcune precisazioni:

  • l’adempimento riguarda sia i contributi in denaro sia quali in natura (ad esempio bene in comodato);
  • il limite di € 10.000 si intende cumulativo  ( cioè riguarda il totale dei vantaggi pubblici ricevuti e non la singola erogazione)
  • il criterio per determinare l’importo è quello di cassa (quindi le somme effettivamente incassate nel 2018 anche se di competenza di periodi diversi)
  • sono incluse anche le somme percepite a titolo di cinque per mille

Le imprese e quindi le SSD assolvono a tali obblighi inserendo tali informazioni nella nota integrativa al bilancio di esercizio

FATTURAZIONE ELETTRONICA: LE NOVITA’ per gli enti non profit in regime 398

Per i contribuenti in regime di L.398/91 e quindi principalmente per le ASD/SSD permangono ancora dubbi ed incertezze sull’applicazione delle norme.

In attesa di chiarimenti da parte di Agenzia delle Entrate proviamo a dare alcune importanti indicazioni

1 – Le ASD/SSD con ricavi commerciali fino a 65.000 nell’anno precedente (2018) sono ESONERATE dalla Fattura e quindi continueranno a fare la fattura cartacea. MA non è chiaro se siano esonerate solo dalla emissione della fattura o anche dalla conservazione sostitutiva e dal ciclo passivo: prudentemente consigliamo di attivarsi per tali adempimenti che sono in ogni caso utili strumenti per una contabilità ordinata e per il rendiconto annuale. E’ sufficiente dotarsi di PEC e registrarsi al Portale Fatture e Corrispettivi. https://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/aree+tematiche/fatturazione+elettronica/fatturazione+elettronica+site+area/servizi+consultazione+e+conservaz+fatture+elettroniche

Per chi non volesse procedere direttamente è disponibile presso ASI Comitato Regionale Veneto il servizio di trasmissione a mezzo intermediario abilitato: info 0498766994

n.b.:rimane invece SEMPRE l’obbligo di fatturazione elettronica della PA.

2 -Le ASD/SSD con ricavi superiori ( e quindi nella fascia 65.000 – 400.000) ai sensi dell’art. 1, comma 3, D.Lg.vo n.127/2015 come recentemente modificato  dalla legge di conversione 17/12/2018 n. 136 assicurano che la fattura sia emessa per loro conto dal cessionario o committente soggetto passivo d’imposta, ovvero per esemplificare dallo sponsor, in caso di fattura per prestazioni di sponsorizzazione: il significato di questa disposizione non è chiaro e si ipotizzano varie soluzioni applicative, dall’autofatturazione alla fattura per conto terzi fino alla possibilità comunque di emettere ugualmente la Fattura che nonostante non sia espressamente prevista (ma nemmeno espressamente vietata!) appare ad oggi quella meno problematica in attesa di auspicati chiarimenti interpretativi. Si raccomanda alle ASD/SSD che rientrano in questa fascia di approfondite con i propri consulenti le opportune modalità da adottare.

Infine, la norma  di cui davamo conto nella news precedente secondo cui  “Gli obblighi di fatturazione e registrazione relativi a contratti di sponsorizzazione e pubblicità in capo a soggetti di cui agli articoli 1 e 2 della legge 16 dicembre 1991, n. 398, nei confronti di soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato, sono adempiuti dai cessionari» e che avrebbe portato ulteriori e pesanti difficoltà anche ai piccoli sodalizi sportivi (tra le quali la perdita del 50% di IVA trattenuto dalle fatture),  con la legge di bilancio 2019 (L.30/12/2018 n.145) è stata soppressa, grazie anche all’intervento in prima linea del Presidente Nazionale ASI Senatore Claudio Barbaro firmatario di apposito emendamento al senato.

L’obbligo è previsto per tutti i sostituti di imposta e per tutti i redditi (lavoro dipendente, autonomo, redditi diversi) .

Vale quindi anche per le ASD/SSD che nell’anno 2018 abbiano erogato compensi  e rimborsi forfettari nell’esercizio diretto di attività sportiva dilettantistica o per collaborazioni amministrativo-gestionali anche se di importo inferiore alla soglia di imponibilità (10.000,00 annuali).

Il Comitato Regionale Veneto ha attivato un servizio di assistenza per la trasmissione dei dati (contributo a partire da euro 70 e proporzionale al numero dei percipienti da indicare nella comunicazione, alla complessità e alla tipologia dei compensi).

Si prega cortesemente di farci avere la documentazione entro il 31 gennaio 2019.

Per info e assistenza nella compilazione e trasmissione del modello e di ogni altro adempimento connesso agli oneri del sostituto di imposta

contattare:  amministrazione@asiveneto.it  tel. 0498766994

 

Attenzione, la richiesta del codice fiscale al momento del tesseramento non è un obbligo previsto da ASI ma un obbligo previsto dal regolamento CONI, in vigore dal 1 gennaio 2019. 

 

ESENZIONE DALL’IMPOSTA DI BOLLO PER ASD/SSD dal 1.1.2019

La legge di bilancio 2019 (L.30/12/2018 n.145) ha esteso anche alle ASD/SSD riconosciute dal CONI l’esenzione dall’imposta di bollo in modo assoluto: pertanto a partire dal 1/1/2019 gli atti, documenti, istanze, contratti nonché copie, anche conformi, estratti, certificazioni, dichiarazioni e attestazioni poste in essere o richiesti dai sodalizi sportivi riconosciuti non saranno soggetti all’imposta di bollo.

Tanto per fare tre esempi : sono esclusi dal bollo il contratto di locazione intestato alla asd/ssd , l’estratto conto del conto corrente bancario, il verbale assembleare di modifica statutaria.

Si ritiene che siano escluse dal bollo anche le ricevute per indennità, rimborsi spese forfetari e analitici come già chiarito dalla circolare di Agenzia delle Entrate n.18E del 1/1/18 per Enti e Federazioni.

Rimane dubbio l’esonero in sede di costituzione quando il sodalizio non ha ancora conseguito il riconoscimento CONI: si auspica quindi un chiarimento per capire se l’atto costitutivo e lo statuto andranno bollati o meno.

Buongiorno,

stiamo procedendo a completare l’affiliazione 2019 per le società che ci hanno inviato il modulo e pagato la quota associativa.

Andando nella pagina dedicata all’affiliazione, le società potranno scaricare e stampare i tre moduli relativi alla responsabilità civile, all’affiliazione e certificato siae.

Per poter accelerare la procedura, per le affiliate che fanno accesso al programma di tesseramento è attiva la possibilità di richiedere la affiliazione per la stagione 2019 autonomamente.

La modalità da seguire è la seguente: la società per poter effettuare tale richiesta, facendo l’ accesso, dovrà obbligatoriamente confermare la composizione del consiglio direttivo 2019, nella scheda CONSIGLIO; dopodiché potrà effettuare la richiesta di affiliazione per il 2019 nella scheda AFFILIAZIONE.

Tale richiesta sarà effettiva dopo la convalida che prontamente daremo una volta che la società avrà completato la procedura.

Ricordiamo che la convalida sarà possibile SOLO se il modulo di affiliazione 2019 sarà stato caricato nella sezione DOCUMENTI dell’affiliato. Tutti i certificati saranno scaricabili successivamente alla nostra ratifica.

Cordialmente

 

Segreteria Asi Veneto

LETTERA-APERTA

FATTURAZIONE ELETTRONICA: ESONERO PER I SODALIZI SPORTIVI?

In sede di conversione del decreto fiscale (D.L.119/18) il parlamento sta apportando alcune modifiche importanti per i sodalizi sportivi in regime di L.398: si parla di esonero dalla fatturazione elettronica per i ricavi inferiori ad euro 65.000 e autofatturazione o di fattura per conto terzi per i ricavi superiori (nella fascia 65.000 – 400.000) e per tutti i ricavi relativi a operazioni di pubblicità o sponsorizzazione ( quindi anche inferiori ai 65.000).

Il quadro è estremamente confuso e incerto: vi invitiamo a leggere l’editoriale del Dr.Giuliano Sinibaldi pubblicato su FiscoSport del 6 dicembre 2018  che con la consueta chiarezza espone un’analisi aggiornata, puntuale ed approfondita

 

http://www.fiscosport.it/editoriale/news-e-sport/le-news-sportive/5303/ancora-sullobbligo-di-fatturazione-elettronica-per-i-sodalizi-sportivi-lemendamento-approvato-al-senato

 

 

123417Next